Notizie

Ufficio stampa

Dr. Franziska Maria Hack
+39 0471 969 516
franziska-maria.hack@laimburg.it

Fioritura dei meli: quest’anno in anticipo di 7-9 giorni rispetto alla media a lungo termine

Dal 1975, il Centro di Sperimentazione Laimburg raccoglie dati climatici che influenzano lo sviluppo stagionale (la "fenologia") delle mele. Per quest'anno, gli esperti del Centro Laimburg si aspettano la piena fioritura della varietà Golden Delicious nel sito di Laimburg intorno al 9 aprile.

La fase vegetativa dei “mazzetti affioranti“. ©Centro di Sperimentazione Laimburg

Lo sviluppo vegetativo dei meli dipende da diversi fattori, come la varietà, il portainnesto, la posizione (suolo e sito) e il decorso climatico dell’anno. Presso i campi del Centro di Sperimentazione Laimburg, a 220 m di sopra il livello del mare, le indagini fenologiche sono state condotte sistematicamente dal 1975 sulla principale varietà altoatesina Golden Delicious e dal 1997 sulla varietà Cripps Pink/Pink Lady®. I ricercatori del Centro stanno raccogliendo e valutando i dati della stagione in corso.

Golden Delicious: piena fioritura nel fondovalle prevista tra l'8 e il 10 aprile

Ad oggi, la varietà Golden Delicious nel sito di Laimburg si trova nella cosiddetta fase dei “mazzetti affioranti" (secondo la definizione internazionale, ciò significa che i singoli fiori ancora chiusi cominciano a separarsi l'uno dall'altro). Ma quanto tempo ci vorrà ancora fino alla piena fioritura? Prevedere esattamente questo non è facile e richiede molta competenza ed esperienza. Le fasi fenologiche del melo vengono registrate al Centro di Sperimentazione Laimburg da 46 anni. Possono volerci dagli 11 ai 24 giorni per passare dalla fase di “mazzetti affioranti" alla piena fioritura. Con le analisi dei dati è possibile raggiungere una precisione di previsione di +/- 2 giorni.
"Con piena fioritura intendiamo quando almeno il 50% dei fiori sono aperti e i primi petali iniziano a cadere. Per la varietà Golden Delicious nel sito di Laimburg nella Bassa Atesina, questa fase sarà probabilmente raggiunta quest'anno intorno al 9 aprile, poiché secondo l'Ufficio idrografico è imminente una settimana pasquale più calda della media", prevede Edmund Ebner del gruppo di lavoro Pomologia del Centro Laimburg. Se non ci sarà un'ondata di freddo, la piena fioritura potrebbe anche avvenire uno o due giorni prima. "Questo significherebbe che quest'anno, per la prima volta, il lasso di tempo tra la fase di mazzetti affioranti e la piena fioritura potrebbe essere di soli 10 giorni, ovvero un record”, spiega Ebner. "Saremmo quindi circa otto o nove giorni prima della media a lungo termine degli ultimi 46 anni, secondo la quale la piena fioritura non si è verificata in media fino al 17 aprile."

Cripps Pink/Pink Lady®

La varietà a fioritura precoce Pink Lady® è attualmente nella "fase dei mazzetti divaricati”, ovvero gli steli dei fiori si allungano, i sepali sono leggermente aperti e i petali appena visibili. Secondo gli esperti del Centro di Sperimentazione Laimburg, questa varietà dovrebbe fiorire quattro giorni prima di Golden Delicious, cioè verso il Lunedì di Pasqua, 5 aprile.

Varietà storiche

Nella Banca fisica del Germoplasma del Centro di Sperimentazione Laimburg sono piantate e monitorate anche oltre 120 vecchie varietà locali. La varietà storica "Spätblühender Taffet", per esempio, fiorisce circa 20 giorni dopo Golden Delicious. La varietà israeliana Anna, che non ha valore commerciale sul mercato, ha bisogno di un periodo più breve di freddo invernale per riprendere a vegetare e quindi germoglia prima. Nel sito di Laimburg, questa varietà ha già iniziato a fiorire il 29 marzo e la piena fioritura è prevista nei prossimi giorni.

Il pericolo di gelate non è ancora superato

L'esattezza della previsione della data di piena fioritura dipende in larga misura dal tempo dei prossimi giorni. Quest'anno è stato più caldo della media fino a metà marzo, il che ha portato a un rapido progresso della vegetazione. Tuttavia, tra il 17 e il 24 marzo ci sono state sei notti di gelo e nel sito di Laimburg, come anche in altre zone, è stata attivata l'irrigazione antibrina. L'uso dell'irrigazione raffredda la temperatura del suolo e quindi rallenta gli stadi vegetativi. Nel 2017, una sola notte di gelo il 20 aprile era stata sufficiente a causare perdite di volume e di qualità del raccolto in grandi aree di coltivazione di mele in Europa e alle altitudini più elevate in Alto Adige.
Al più tardi a fine maggio/inizio giugno potrà essere valutato se le recenti notti di gelo significheranno perdite di qualità anche per il raccolto 2021. "Più tardi inizia la fioritura, più basso è il rischio di subire gravi danni dalle gelate tardive", riassume Edmund Ebner.

Il germoglio nel ghiaccio – come funziona l’irrigazione antibrina

Per proteggere i giovani germogli e i sensibili fiori dalle gelate notturne, viene attivata l'irrigazione antigelo sopra la chioma degli alberi. Quando le goccioline d'acqua congelano a causa delle basse temperature, passando quindi dallo stato liquido a quello solido, rilasciano il cosiddetto calore di cristallizzazione. Questo calore mantiene la temperatura del ghiaccio a 0 °C, impedendo così il congelamento delle parti vegetali in esso racchiuse.
Da alcuni anni, nei meleti e nei vigneti dove non è possibile ricorrere all’irrigazione antigelo, sono state installate delle torce di paraffina, che vengono accese nelle notti di gelo e possono aumentare la temperatura intorno alla pianta di alcuni gradi. A temperature da -2 a -3 °C, vengono attivate da 200 a 300 torce per ettaro. Esse hanno un tempo di combustione di circa otto ore, il che significa un costo tra 2.000 e 3.000 euro in una notte. "Tuttavia, questo sistema può essere impiegato solamente per gelate notturne in assenza di vento", spiega Ebner.

Galleria immagini

RSS Feeds